Crea sito

Archive for 23 Settembre 2020

La micrite ci spiega l’evoluzione della vita dopo l’estinzione dei dinosauri

Secondo un nuovo studio, l’impatto dell’asteroide che ha ucciso la maggior parte dei dinosauri, 66 milioni di anni fa, ha anche creato le condizioni per la proliferazione dei microbi oceanici. In microscopici cristalli di roccia, sono state trovate le prove che enormi fioriture di alghe e batteri fotosintetici coprivano gli oceani del mondo, fornendo cibo a creature marine più grandi, subito dopo il cataclisma. Nel 2016,  nel Golfo del Messico perforando il cratere Chicxulub, cicatrice lasciata dall’impatto dell’asteroide, sepolta sotto il fondo del mare, sono stati scoperti sedimenti ,depositati immediatamente dopo l’impatto, ricchi di micrite, un minerale di carbonato di calcio. Il carbonato di calcio precipita negli oceani del mondo: i coralli e il plancton ne formano scheletri, i microbi come i batteri lo producono e può anche formarsi direttamente dall’acqua di mare. La scoperta è stata un déjà-vu per Timothy Bralower, geologo marino della Pennsylvania State University, University Park.                             Nel 2001, Bralower e suoi colleghi avevano individuato la micrite nelle rocce dell’Oceano Pacifico occidentale che risalivano al momento dell’impatto. “Quando abbiamo visto ,- dice Bralower-, questo strato micrite nel cratere, siamo andati a ‘bingo”. L’avevamo già visto. ” In effetti, le rocce raccolte da 31 siti in tutto il mondo contengono uno strato di micrite che ha 66 milioni di anni, se ne rese conto Bralower, quando esaminò attentamente la sua vasta collezione di campioni di roccia montati su vetrini da microscopio. “Lo vediamo , -ha aggiunto a mo’ di ulteriore conferma- in tutti gli oceani”. Per capire come si è formato la micrite, Bralower e suoi colleghi– hanno ingrandito i minerali usando microscopi elettronici. Hanno scoperto che i suoi cristalli erano spesso composti da microcristalli ancora più piccoli a forma di romboedro a sei facce o scalenoedri con più di otto lati. “I ricercatori precedenti, -dice ancora Bralower– non avevano visto queste strutture perché non ingrandivano abbastanza. “I microcristalli sono notevolmente simili ,- riportano Bralower e colleghi– al carbonato di calcio prodotto dai batteri dei nostri giorni, e quindi la maggior parte della micrite è probabilmente di origine biologica”. La vita che ha creato questo minerale noto come micrite,- suggeriscono i ricercatori-, era probabilmente parte di una “comunità microbica sopravvissuta” emersa all’indomani dell’impatto. Oltre a spazzare via così tanta vita sulla terraferma, l‘impatto ha decimato anche gli ecosistemi oceanici. La roccia vaporizzata ha portato ad un accumulo di acido solforico che è piovuto sugli oceani insieme a metalli tossici come piombo e mercurio. Più del 90% del fitoplancton marino,- hanno dimostrato i ricercatori- si è estinto. “Eppure, quella distruzione, -dice Julio Sepúlveda, biogeochimico dell’Università del Colorado-, ha anche aperto la strada ai nuovi arrivati. Boulder, che non è stato coinvolto nella ricerca, puntualizza: “Se elimini un gruppo importante da un ecosistema, hai una nicchia ecologica vuota”. Quei nuovi arrivati, altre alghe e batteri fotosintetici -dice ancora Bralower-, erano “pronti a conquistare il mondo”. Poiché proliferavano in fioriture oceaniche, avrebbero agito loro stessi come fonte di cibo, per animali più in alto nella catena alimentare, come krill e gamberetti, suggeriscono sempre Bralower e colleghi. Ed hanno lasciato la prova della loro esistenza sotto forma di micrite. Vale la pena, suggeriscono infine questi ricercatori, scavare più nel passato per cercare fioriture simili dopo altre estinzioni di massa.                            “Guardare, per esempio, -aggiunge infine Bralower- l’estinzione del Permiano 252 milioni di anni fa, quando un enorme cataclisma, ha ucciso più del 90% delle specie del pianeta, sarebbe un buon punto di partenza . Scommetto che guardando alla fine del Permiano, troverei queste strutture anche lì.”