Archive for cementificazione

STRANA CITTA’

 

 

Strade allagate alla Pizzuta

 

 

Fogna alla Mazzarona

 

 

Gli stalli adesso in disuso del bike sharing mai decollato !

Davvero strana questa città (Siracusa) nella quale gli amministratori si affannano a costruire castelli in aria, puntando ad obiettivi irrealizzabili o praticando la politica della questua continua. Legittimo perciò chiedersi sono amministratori o che altro? Grande la boutade di fare diventare Siracusa la capitale europea della cultura. Ma questi amministratori si muovono a Siracusa? Sono consapevoli quali sono le necessità più urgenti per migliorare la qualità della vita cittadina? Hanno mai visto i cumuli di immondizia perenni in via Noto, il degrado di via Gaetano Zummo  le strade perennemente allagate in viale Epipoli,

all’altezza del villaggio Miano e in viale Teracati nel tratto dove si convogliano le acque di via Necropoli Grotticelli. Strana città nella quale si discute da anni di una strada alternativa per il mare e nessuna progettualità a tale proposito è stata avviata. Strana città che continua a trascinarsi il dilemma sui finanziamenti da ricercare per l’entrata nord della città che si presenta con un viadotto in cemento quasi a pezzi. E’ stata annunciata, per esempio, con grandi strombazzamenti la volontà di rendere Ortigia veramente del tutto pedonale e non si hanno fondi per rendere fruibile il serpentone di cemento del parcheggio Talete che ostruisce la vista del mare. Strana città perché intanto viene lasciato a disperdersi il patrimonio del bike-sharing che poteva costituire un occasione in più per una città che intende professarsi turistica. Stesso discorso, pari pari ,vale anche per la riattivazione dei bus elettrici, necessari per convincere a lasciare le automobili nei parcheggi di scambio,  perché si è scoperto ( ma guarda ?) che bisogna investire una buona somma, per batterie lasciate colpevolmente a guastarsi. La pista ciclistica è diventata un monumento al nulla in quanto sistemata in una posizione che seppure panoramica abbisognerebbe di manutenzione per come è stata concepita , continua. Non è dotata di illuminazione e diventa perciò al calare delle tenebre, terreno di elezione di malintenzionati, spacciatori, drogati e di teste matte  in vene di ribalderie. Strana città nella quale si è scelto di non risolvere il problema o peggio il pasticciaccio di via Puglia con affermazioni e decisioni che sanno solo di vecchia politica. Dopo le baruffe chiozzotte per la segreteria cittadina del Pd, adesso c’è l’altro sogno pendente di cercare di affidare la gestione di una serie di edifici storici di Ortigia ai privati perché l’amministrazione non lo può materialmente fare .Idea che potrebbe diventare  presto un campo minato. Strana città nella quale non c’è uno straccio di opposizione e dove si continua a discutere dell’applicazione o meno della Tares mentre il governo nazionale discute di altre tasse da applicare a livello locale? 

Si lavoricchia molto in superficie per adeguare e salvaguardare il territorio aretuseo

 

Si lavoricchia molto in superficie per adeguare e salvaguardare il territorio aretuseo

Si lavoricchia molto in superficie per adeguare e salvaguardare il territorio aretuseo.

Strana città

Muro_di_recinzione_in_via_puglia
Allagamento_alla_pizzuta_e_villaggio_miano
Castello_maniace_2
Veduta_aerea_del_castello_eurialo

Strana città, Siracusa (città inclusa nella World Heritage List) nella quale l’amministrazione comunale mena vanto dell’ennesima annunciata inaugurazione del teatro comunale, nel quale i lavori sono stati avviati un cinquantennio addietro ed ha contribuito a foraggiare intere generazioni d’imprenditori mentre le bellezze naturali che andrebbero valorizzate, proprio per mantenere l’inclusione nella World Heritage List, sono colpevolmente trascurate.                                         Esemplare l’esempio dell’illuminazione nella strada panoramica che, oltre a costeggiare il teatro Greco, offre una visione unica della città che ormai versa nel buio più assoluto, dopo che era stata manutenzionata non più tardi di qualche anno addietro.                                                                Strana città nella quale nel solco di opere pubbliche diventano una lunga via Crucis, com’è il caso di via Puglia in cui i lavori, come al solito, erano iniziati in pompa magna, ma continuano a segnare il passo per una strozzatura della carreggiata dovuta a un muro di recinzione: un inghippo da risolvere per tempo prima di avviare i lavori.                                                                            Strana città nella quale non si riesce ad avviare l’appalto per l’igiene urbana, nonostante la città, come segnalano i turisti, si presenta molto sporca e nonostante le risibili motivazioni addotte dall’attuale amministrazione comunale.                                                                                        Strana città nella quale improvvisamente solo grazie a foto pubblicate su social network si viene a scoprire che si è tenuta una tappa della Targa Florio, concedendo che le vetture impegnate nella manifestazione trovassero sistemazione tra le “sacre pietre” del Teatro Greco.                                                                                                                                    Strana città nella quale nessuno tra personale politico cittadino, regionale e nazionale nessuno interviene sul problema delle polveri sottili e di altri prodotti inquinanti che minacciano da vicino la salute dei cittadini, mentre le industrie che sono state condannate a bonificare, operano ricorsi a tamburo battente, sostenendo di essere autorizzati a questo comportamento proprio per avere ricevuto l’avallo dell’AIA (autorizzazione impatto ambientale).                                                   Strana città nella quale si annuncia con grande evidenza la manutenzione per 146.118 €, della strada provinciale 46 Belvedere-Carancino che riguarda i muri a secco prospicienti alle Mura Dionigiane mentre altri punti della stessa provinciale sono perennemente allagati alle prime gocce di pioggia, per una disfunzione a lungo segnalata dagli abitanti del quartiere conosciuto come il villaggio Miano. 

 

LA PILLIRINA E’ SALVA .. bocciata dalla regione l’ipotesi di riperimetrazione della riserva da SOS Siracusa

Straordinaria_immagine_della_pillirina

LA PILLIRINA E’ SALVA!!! Dopo 2 anni di lavoro a tutela di un’area importantissima dal punto di vista storico e naturalistico per la città di Siracusa, SOS Siracusa è lieta di darvi questa…via sos-siracusa.org

 

Porto Grande di Siracusa: Prima il cemento, poi la fogna e infine la moria di pesci!!! | SOS Siracusa | Blog | Giuseppe Benanti

 

il porto Grande di Siracusa: oggi soltanto una grande cloaca a cielo aperto?

Porto Grande di Siracusa: Prima il cemento, poi la fogna e infine la moria di pesci!!! | SOS Siracusa | Blog | Giuseppe Benanti.

Rinuncia richiesta sospensiva al TAR

» Read more..

Pizzo Sella: abusivi in buona fede da LinkSicilia

 

Pizzo Sella: abusivi in buona fede | LinkSicilia

Continua il buonismo della Corte di Cassazione dopo la sentenza Dell’Utri!

Pizzo Sella: abusivi in buona fede | LinkSicilia.

TUTTI GLI SOS DI SIRACUSA | ALLOSANFANE

le più belle immagini di Siracusaalla Pillirina non è finita perchè c'è un nobiluomo che vuole stravolgerlaTUTTI GLI SOS DI SIRACUSA | ALLOSANFANE.

I CINQUE ECOMOSTRI D’ITALIA – posterous

I CINQUE ECOMOSTRI D’ITALIA – furbanzio di posterous.