Crea sito

Archive for vino

Il cibo influisce sul microbioma intestinale e di converso sulla salute

Tutto ciò che si mangia o si beve influisce sui batteri intestinali, ed è probabile che impatti sulla salute. Risulta da uno studio su larga scala condotto dalla genetista Cisca Wijmenga sull’effetto di cibo e delle medicine che influenzano la diversità batterica nell’intestino umano.

Recentemente ricercatori hanno raccolto campioni di feci da più di 1100 persone che partecipano al programma, che monitora la salute di 165.000 residenti del nord dei Paesi Bassi. I campioni sono stati utilizzati per analizzare il DNA dei batteri e di altri microrganismi che vivono nell’intestino. Inoltre, la ricerca ha raccolto informazioni sulla dieta dei partecipanti, l’utilizzo di medicine e la salute.

Una ricerca unica giacché si è concentra su un gruppo di persone normali, mentre le precedente ricerche spesso erano focalizzate su pazienti con una malattia specifica. Inoltre, lo studio ha riguardato un gruppo eccezionalmente grande di persone e ha studiato il loro DNA nell’ intestino nel dettaglio.”Normalmente i ricercatori indagano solo una particolare regione del DNA in cui si possono distinguere diversi gruppi di batteri, – spiega Wijmenga- invece stavolta è stato mappato tutto il DNA batterico per ottenere informazioni molto più dettagliate sui tipi di batteri”.

Caffè e vino

Quest’analisi del DNA ha permesso di esaminare i fattori d’impatto sulla diversità del microbioma (la comunità batterica intestinale unica per ciascuno). E sembrano essere molti. Wijmenga dice: “Vedi, per esempio, l’effetto della dieta nell’intestino. Le persone che consumano regolarmente yogurt o latticello hanno una maggiore diversità di batteri intestinali. Caffè e vino possono aumentare la diversità e, mentre il latte intero o una dieta ad alto contenuto calorico possono diminuirlo”.

In totale si sono trovati sessanta fattori dietetici che influenzano la diversità. “Che cosa significano esattamente è ancora difficile da dire, -spiega  Alexandra Zhernakova ricercatrice UMCG- ma c’è una buona correlazione tra la diversità e la salute: con una maggiore diversità è meglio.”

Oltre la dieta, almeno diciannove diversi tipi di medicine – alcune delle quali ampiamente utilizzate -hanno un impatto sulla diversità del microbioma. Un precedente studio condotto da ricercatori m alla Groningen ha dimostrato che gli antiacidi diminuiscono questa diversità, mentre gli antibiotici e la metformina producono effetti. ” Sono risultati sono importanti -sottolinea Wijmenga-, perchè una malattia spesso si verifica come risultato di molti fattori”. La maggior parte di questi fattori, come i i geni o l’età, non sono cose che si possono cambiare. Si può cambiare la diversità del microbioma adattando la dieta o i  farmaci. Abbiamo capito come funziona e, quindi si apriranno nuove possibilità. ”

I campioni di feci

Recenti ricerche hanno dimostrato l’importanza di questo fattore. È possibile combattere l’obesità attraverso un ‘trapianto fecale’ in cui sono introdotti nell’intestino di un paziente obeso, i batteri intestinali da una persona esile. Una dieta appropriata o una medicina specifica possono produrre lo stesso effetto sul microbioma.

In questo periodo molti filoni di ricerca stanno esaminando il microbioma, che spesso sembra difficile da riprodurre. È quindi sorprendente che i risultati di un gruppo belga, mostrino circa per l’80 per cento un singolare accordo con quelli del gruppo Groningen. “La chiave è il modo in cui la ricerca è stata fatta”, dice Wijmenga – era importante che i campioni di feci sono stati congelati immediatamente dagli stessi partecipanti, e raccolti dai ricercatori, mentre erano ancora congelati. Quando i campioni sono inviati a mezzo posta, come spesso accade, si espongono ad alte temperature e a diverse quantità di ossigeno. A  queste condizioni alcuni batteri non possono sopravvivere. Le due ricerche hanno quindi stabilito nuovi standard per la futura ricerca in questo campo.”

Il progetto è stato finanziato dal Food Institute Top e la Nutrizione, l’Organizzazione olandese per la ricerca scientifica, ricerca cardiovascolare Nederland e Consiglio europeo della ricerca, e forniti finanziamenti istituzionali ai singoli autori.

Immagine di microbi